• Italiano

Diagnostica, analisi e ricerca

L'attività connessa alle discipline scientifiche applicate allo studio e alla conservazione dei beni culturali rappresenta una rilevante e ben consolidata realtà all'interno dell'Istituto.

I settori scientifici forniscono assistenza tecnico-diagnostica alle attività di restauro e si occupano nel contempo di studi e ricerche nel campo della diagnostica scientifica ed in quello delle metodologie conservative dei beni culturali. Il loro impegno è rivolto anche  verso la didattica per la Scuola di Alta Formazione e Studio (SAFS). Attivi ormai da molti anni, sono diventati un punto di riferimento a livello nazionale ed europeo per restauratori, scienziati, storici dell'arte, architetti, archeologi. 

Principali analisi strumentali

  • spettrofotometro di fluorescenza ai raggi X portatile (XRF) XGLab mod. Elio

  • Microscopia Ottica: fotomicroscopio Zeiss a luce riflessa, sorgenti alogena e ultravioletta a LED, camera digitale Canon; stereomicroscopio Leica con sorgenti illuminanti multicolore, camera digitale Canon

  • Microscopia Digitale con microscopio “DinoLite” con sorgenti LED bianche e UV

  • Microscopia Elettronica a Scansione: Zeiss mod. “EVO 25” con microanalisi EDX Link-Oxford

  • Spettrofotometria FTIR: spettrofotometro Thermo-Nicolet “IS50” con microscopio FTIR in riflessione e con ATR “Continuum”; spettrofotometro FTIR portatile Bruker mod. “Alpha” equipaggiato con ulteriore modulo ATR; spettrofotometro portatile handheld Agilent

  • Spettrofotometria Raman con strumenti portatili Madatec, con laser a 532nm e a 785nm

  • Cromatografo ionico Dionex “DI120”