• Italiano

Archivi e centri di documentazione d'arte contemporanea. Pratiche e progetti a confronto tra musei e istituzioni in Italia

12/04/2021

Centro Pecci webinar 28042021

Mercoledì 28 aprile, con il webinar pubblico dal titolo ARCHIVI E CENTRI DI DOCUMENTAZIONE D’ARTE CONTEMPORANEA. Pratiche e progetti a confronto tra musei e istituzioni in Italia, il Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci e l’Università degli Studi di Firenze promuovono una giornata di studio e confronto sui temi relativi alla conoscenza, all’accessibilità, alla gestione e alla promozione degli Archivi e Centri di documentazione di arte contemporanea.

Nella sessione della mattina, i referenti di alcuni tra i principali musei e istituzioni d’arte contemporanea in Italia presenteranno e si confronteranno su pratiche e progetti in corso presso Archivi e Centri di documentazione. Nella tavola rotonda, prevista nel pomeriggio con la partecipazione dei responsabili e dei partner del progetto universitario regionale ACT-FAST, verranno discussi gli esiti dell’indagine promossa e approfondite tematiche legate alla gestione, conservazione e ricerca applicata agli archivi e centri di documentazione d’arte contemporanea.

Alla tavola rotonda del pomeriggio parteciperà il Soprintendente dell'Opificio delle Pietre Dure Marco Ciatti, con un intervento intitolato "Problemi di conservazione"

Anticipato da un’indagine condotta attraverso un questionario, l’iniziativa organizzata dal Centro di Informazione e Documentazione CID/Arti Visive del museo e dal Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte, Spettacolo (Unifi SAGAS) dell’ateneo fiorentino, è sostenuta da Regione Toscana e Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Toscana, in collaborazione con Scuola Normale Superiore di Pisa e Opificio delle Pietre Dure di Firenze, tutti partner dell’iniziativa, ed è collegata a una ricerca biennale coordinata dall’Università degli Studi di Firenze dedicata al tema Arte contemporanea in Toscana, il futuro dell'arte nella storia (ACT-FAST), avviata nell’ambito del progetto regionale Cento ricercatori per la cultura 2020-2021.

Scopo del progetto di ricerca ACT-FAST è quello di tracciare una mappa e definire l’identità della storia dell’arte contemporanea in Toscana dal 1980 al 2000 attraverso nuove descrizioni e rappresentazioni dei materiali d’archivio e della letteratura grigia collegati agli eventi espositivi.

La ricerca prevede il censimento, la descrizione e digitalizzazione di materiali relativi ai più significativi eventi, opere, artisti e luoghi, materiali conservati negli archivi del Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci (CID/Arti Visive), oltre che negli archivi di artisti, critici ed editori aggregati, e degli archivi partner del progetto come l’artista Luciano Caruso, il collezionista Carlo Palli, la critica e storica dell’arte Lara-Vinca Masini.

Per il programma completo e per ulteriori dettagli, si rimanda al sito del Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato